3 anni di preparazione, 282 partecipanti, 95 Nazioni rappresentate, 180 riserve coinvolte: questi sono solo alcuni dei numeri del primo Forum Mondiale dei Giovani MAB organizzato dall’UNESCO, ma bastano a rendere l’idea riguardo alla complessità e alla portata di questo evento – che ora con piacere possiamo dire essere stato un completo successo.

L’Associazione PIÚINFORMA – grazie alla costante collaborazione dei suoi soci sostenitori e partner – ha superato egregiamente quella che da molti era considerata una vera e propria sfida: la gestione e il coordinamento del servizio di ristoro a favore dei partecipanti e di tutti coloro che hanno collaborato all’evento.

Il Forum è stata un’esperienza di confronto e condivisione su tematiche tanto importanti quanto delicate, come l’ambiente, la green economy, il futuro dei giovani, e un’occasione di aprire gli occhi e la mente su diversi punti di vista mai considerati prima perché – magari – provenienti dall’altra parte del mondo.

Per l’Associazione PIÚINFORMA questo evento mondiale rappresenta anche la conferma della bontà del nostro programma – che ha riscosso successo e ammirazione da parte di molti – nonché della qualità dei servizi offerti dai nostri soci sostenitori, apprezzati da persone provenienti dai 5 continenti.

Per riuscire a dare effettivamente uno sguardo sul Forum, vi invitiamo a guardare il video al seguente link https://www.facebook.com/manandbiosphere/videos/vb.306662629459026/842307422561208/?type=2&theater : potrete osservare un perfetto riassunto di collaborazioni, impegno, arte, ambiente, il tutto accompagnato da sguardi, spensieratezza e sorrisi che solo la convinzione di un futuro migliore e sostenibile può regalare.

Porteremo dentro di noi questa scintilla che ci deve ricordare sempre questo obiettivo comune di fondamentale importanza, con la speranza che sempre più persone si uniscano concretamente al nostro motto “dalle parole ai fatti!”.

Cosa ci ha motivati a partecipare a questo evento?

Ecozema® è orgogliosa di essere tra le aziende che promuovono questo evento di UNESCO, perché da più di 150 anni svolge la propria attività in Veneto, e con le persone che si sono avvicendate ha contribuito alla valorizzazione del territorio. Un territorio che ha contribuito allo sviluppo dell’azienda con la sua cultura millenaria e le sue genti, animate da passione per il lavoro e visioni future, altrove difficili da trovare.

Chi siamo, di dove siamo e cosa facciamo?

Ecozema® è un brand di Fabbrica Pinze Schio srl, nato nel 2005, a Santorso, in provincia di Vicenza, per dare risposta alle situazioni che richiedono una raccolta differenziata della frazione organica da conferire in compostaggio.

La nostra azienda, attiva da più di 100 anni e leader nella produzione di prodotti per il bucato (mollette, stendini, appendini), nel 2000 inizia un processo di ricerca e sviluppo per mettere a punto la produzione di manufatti in biopolimeri utilizzando la propria tecnologia: lo stampaggio a iniezione.

La collaborazione con aziende produttrici di materie prime (Mater-bi®, Ingeo™ P.L.A., e altri), ci permette in pochi anni di mettere a punto processi interni per la realizzazione di stampi e cicli produttivi adatti allo scopo.

Nel 2005, siamo la prima azienda al mondo a ottenere la certificazione di compostabilità secondo la norma EN13432 per le posate realizzate con il Mater-Bi® di Novamont.

Successivamente, alle posate di nostra produzione si affiancano linee complete di piatti in polpa di cellulosa, bicchieri in P.L.A. per bevande fredde e bicchieri in cartoncino

laminato in Mater-bi® per bevande calde.

Perché usare i prodotti Ecozema?

Uno dei problemi più sentiti è la separazione dei rifiuti e il loro smaltimento. Noi realizziamo posate, piatti e bicchieri biodegradabili e compostabili e si sostituiscono

perfettamente alle stoviglie in polistirolo (“di plastica”) che, in fase di smaltimento, devono essere necessariamente separate dai resti di cibo per il trattamento termico

(inceneritore, termovalorizzazione).

Invece, le nostre stoviglie potranno essere smaltite con la frazione umida e avviate al compostaggio, eliminando completamente il processo di separazione dei rifiuti.

Sono quindi perfette per mense ed eventi di varia di tipologia, dalla festa privata all’evento internazionale.

100% MELA SPREMUTA…tutto il buono della frutta fresca, senza il problema della shelf life.

Il problema

Tutti sappiamo bene che una mela al giorno toglie il medico di torno, ma la poca praticità della gestione della frutta fresca spesso rappresenta una barriera difficilmente sormontabile per il settore del Vending. Se il trasporto non è più un problema (chi più chi meno, tutte le società di gestione sono attrezzate per il trasporto del prodotto deperibile), quello della shelf life ridotta rimane un forte deterrente per il posizionamento della frutta nei D.A. Ma la richiesta di referenze al contempo sane e fresche cresce, soprattutto con l’avvicinarsi della bella stagione: come si può allora assecondare il consumatore, senza correre il rischio di aver a che fare con giacenze inutilizzabili?

La soluzione

La spremuta di mele Melaquick, rappresenta a tutti gli effetti gli effetti un sostitutivo della frutta fresca, con il plus di avere una shelf life molto più compatibile con i tempi del Vending: 90 giorni dalla data di spedizione. Ma non si pensi che questo derivi dall’aggiunta di conservanti: si tratta di 100% mela spremuta con il metodo rivoluzionario della pastorizzazione a freddo (HPP) che non ne intacca la composizione biochimica ed enzimatica.

Il risultato è una spremuta che si comporta esattamente come la mela fresca: se lasciata all’aria per tempi prolungati, infatti, imbrunisce. La differenza tra la spremuta di mele melaquick e gli Smoothie, i frullati ed i succhi risiede nel fatto che questi ultimi non possono essere considerati come complementari di un frutto vero e proprio, perché i metodi di lavorazione utilizzati per produrli tendono a “snaturare” il frutto stesso, facendo perdere vitamine e nutrienti. Un altro punto a suo favore è rappresentato dalla confezione: una bottiglietta da 200 ml assolutamente “spiral – friendly” in quanto si posiziona perfettamente nella spirale singola escludendo alcun problema di inceppamento.

Qualche informazione in più

Trattandosi di un prodotto fresco – salutistico, la temperatura di stoccaggio rientra tra i 3 e gli 8 gradi, e va agitato prima dell’uso proprio in forza della sua integralità: la spremuta infatti non viene sottoposta ad alcun trattamento di illimpidimento o brillantatura che ne mettano in discussione le naturali caratteristiche aromatiche, nutrizionali e funzionali. Diverse sono le qualità di mele utilizzate per la spremuta, e variano a seconda della disponibilità: in generale vengono scelte la Golden Delicious, la Granny Smith (che ne conferisce la nota acidula), la Florina e la Elstar oppure la Pink Lady.

.. FIDATI, è 10PIÙSANO

Ad ulteriore prova che si tratti d un prodotto genuino, la spremuta di mele Melaquick ha da poco ottenuto il bollino 10PIÙSANO, marchio registrato a livello europeo   per diffondere e dare visibilità ai prodotti alimentari genericamente definiti   “salutistici “e alle aziende produttive che operano nel rispetto della salute umana ed ambientale.  Grazie alla presenza del bollino sulla confezione, il consumatore sa che si trova di fronte ad un prodotto che fa bene alla sua salute, grazie alla presenza di antiossidanti naturali: la riconoscibilità delle molteplici caratteristiche positive della spremuta di mele è quindi garantita anche attraverso il vetro del d.a.